Parco divertimento

Parco Faunistico Le Cornelle

Il parco

Il Parco faunistico Le Cornelle nasce nel 1981 a Valbrembo, in un'area verde di 126.000 mq per opera di Angelo Ferruccio Benedetti e si ispira a valori di conservazione, ricerca ed educazione.

Le diverse aree presenti sono appositamente studiate per consentire agli animali uno stile di vita il più vicino possibile a quello originale, circoscritte da semplici staccionate tranne che per quelli più pericolosi che necessitano di recinzioni.

L' "Isola di Aldabra", dal nome dell'atollo corallino delle Seychelles, è una serra tropicale di 1.000 mq in cui è stata ricostruita la vegetazione tipica delle isole dell'Oceano Indiano con palme, ficus e pandanus. Qui si possono osservare, tra gli altri animali esotici, le tartarughe giganti delle Seychelles. Questi esemplari, che possono raggiungere i 300 kg di peso, sono fondamentali per garantire l'ecosistema dell'isola di provenienza.

L' "Oasi dei ghepardi" consente di ammirare questi veloci felini, che possono raggiungere in poco tempo i 100 km/h, in un' ampia zona dove possono esprimersi in libertà fra prati, alberi, cascate e ruscelli, mentre l'area per le foche, con vetrate poste sott'acqua, permette di osservare i simpatici mammiferi anche nelle loro evoluzioni subacquee.

La "Selva tropicale" con i suoi 7.000 mq è la più vasta voliera d'Italia in cui è stato ricreato, con specchi e corsi d'acqua, e piante tipiche dei tropici, l'ambiente naturale della foresta pluviale originario degli animali ospitati che qui vivono in semilibertà. Aironi, cicogne bianche, alligatori del Mississippi, gru coronate ecc. possono essere osservati percorrendo un'apposita passerella.
Non mancheranno di stupirvi i fenicotteri, l'ibis rosso, le aquile, i puma e i tapiri. Gli scimpanzé vi faranno compagnia seguendovi lungo i sentieri che attraversano il parco da delle reti tubolari sospese.

A "Le Cornelle" si trovano anche alcuni rarissimi esemplari in via di estinzione come i leoni bianchi, il leopardo delle nevi e soprattutto la tigre bianca ormai completamente scomparsa dall'Asia Sudorientale. Il Parco aderisce infatti al progetto E.E.P (European Endangered Species Programme) che ha per scopo la conservazione delle specie animali allevandole in cattività e facendole riprodurre per poi reinserire i cuccioli nel loro ambiente naturale. La fitta rete di scambi con parchi faunistici di tutto il mondo ha contribuito al successo di questo progetto con la reintroduzione dell'orice dalle corna a sciabola e del pappagallo del Congo nei loro habitat.

Le Cornelle offre un programma didattico per le scuole con visite guidate della durata da 1 a 4 ore organizzate in collaborazione con biologi e naturalisti per far conoscere gli animali e sensibilizzare gli "uomini del domani" sull'importanza della conservazione, della ricerca e dell'educazione per un giusto riequilibrio fra uomo e natura.

Molti i servizi offerti con parcheggio, punti di ristoro, area picnic, giochi per bambini, negozi di souvenir e un trenino che fa il giro del Parco. Il tutto per un'esperienza sorprendente e istruttiva per bambini, famiglie e non solo.
A cura della Redazione di ItaliaParchi.it
Vietata la riproduzione. Si prega di segnalare a info@italiaparchi.it eventuali variazioni, errori o inesattezze.
Si è verificato un errore di connessione dati. Clicca qui e ricarica l'applicazione web 🗙